Trasparenza

Home > Trasparenza > Indicatore sintetico di costo

Indicatore sintetico di costo

L’Indicatore Sintetico di Costo (ISC) è stato introdotto Banca d’Italia per misurare il costo annuale dei conti correnti sul mercato, confrontarli secondo criteri omogenei e scegliere il più vantaggioso.

COME FUNZIONA L'ISC

L’Isc è espresso in euro e considera alcune voci di spesa, fisse e variabili: canone, commissioni sulle operazioni, costo dei servizi eccetera. Non è assoluto: ogni conto corrente ha un Isc per ogni tipologia di cliente. Le tipologie sono definite da Banca d’Italia in profili di utilizzo.

CHE COSA SONO I PROFILI

Chi ha un conto corrente è classificato indicativamente in un profilo secondo i suoi comportamenti bancari (quali e quante operazioni fa, con quale frequenza e attraverso quali canali, quali strumenti di pagamento usa). I primi 6 profili riguardano i conti correnti “a pacchetto” (quelli più diffusi con tariffe a forfait, come Conto Webank). Il settimo riguarda quelli a consumo. Per saperne di più leggi la classificazione di Banca d'Italia.

Qui sotto trovi la tabella che descrive indicativamente i profili e mostra il valore dell'Isc di Conto Webank.

Profilo di utilizzo Isc

Giovani
164 operazioni all'anno, bancomat, carta prepagata
3,75€

Famiglie con operatività bassa
201 operazioni all'anno, bancomat, mutuo, altri finanziamenti
0 €

Famiglie con operatività media
228 operazioni all'anno, bancomat, carta di credito, mutuo
0 €

Famiglie con operatività elevata
253 operazioni all'anno, bancomat, carta di credito, mutuo, deposito titoli
5 €

Pensionati con operatività bassa
124 operazioni all'anno, bancomat
0 €

Pensionati con operatività media
189 operazioni all'anno, bancomat, carta di credito, deposito titoli
0 €


L'Isc è un valore orientativo. Non considera l’imposta di bollo obbligatoria sul conto corrente stabilita dallo Stato e gli interessi passivi maturati. Lo trovi sul Foglio informativo del conto corrente. Lo trovi anche sul Documento di sintesi di fine anno: ti permette di confrontare i costi per ogni profilo con quelli effettivi (cioè che hai sostenuto per tutti i servizi bancari che hai usato) indicati nell’estratto conto al 31 dicembre